TAG Cloud

\Montepulciano \2011 \Montefalco \Sinalunga \Todi \pietra \uffici \México \cultura contemporanea \maglia metallica \2008 \Santa Maria della Scala \SanGimignano \lighting-design \BIANCO \Castellina in Chianti \laterizio \inProgress \2005 \InnerRoom \BLU \2007 \centro commerciale \Cemento \aquapanel \2003 \2004 \China \alluminio \mostra \allestimento \1997 \appartamento \residenze \resina \rete-stirata \actionBRICK \CORTEN \Firenze \video \Rosignano \SCALA \corian \vetro strutturale \2010 \2002 \Siena \2012 \parco \Spagna \Venezia \Palermo \idea \2014 \progetto approvato \2013 \Verona \Chiusi \2009 \ristrutturazione \concorso \pinacoteca \acciaio \completed

WEEKLY STUFF

Il decimo ed ultimo appuntamento del ciclo dedicato allo scopo dell’arte è affrontato con la significativa opera “Per purificare le parole” di Gilberto Zorio. Emblematica a partire dal titolo che ne riassume la poetica concettuale, quest'opera è un vero e proprio strumento spaziale, simbolico e pratico dove le parole possono essere parlate, passando attraverso delle condutture in cui simbolicamente si purificano. Dal boccaglio recettore attraverso il giavellotto vettore, le parole  entrano nel vulcano modellato con sabbia dello Stromboli catalizzata da elementi naturali come ad evocare il fuoco che purifica gli elementi. Con quest'opera di Zorio si ha si ha secondo noi (all'inner room) un'opportunità nuova: quella di considerare come un ambiente ciò che convenzionalmente è considerato un mezzo. Questo avviene grazie all’intuizione presentata dall'artista, ovvero la necessità che le parole possano essere purificate, riportate cioè alla loro essenza originaria di elementi senza essere decontestualizzate dal linguaggio, che è l'ambiente nel quale vivono e si esprimono. Un proverbio dice appunto “Le parole uccidono e le parole danno vita, possono essere un frutto o un veleno, a te la scelta”. L'opera “Per purificare le parole” è chiamata a chiudere il ciclo in quanto assume, in tipologia, il simbolo di ogni opera d'arte e gesto artistico il cui destino appare quello di rendere visibile, vero e reale ciò che è in realtà è già presente nel mondo invisibile.

16.03
2012

Gilberto Zorio

per purificare le parole


Category: NEWS

Tags: \2012 \actionBRICK \cultura contemporanea \InnerRoom \mostra \Siena