TAG Cloud

\video \aquapanel \China \pietra \2004 \Spagna \Castellina in Chianti \concorso \2010 \Montepulciano \2013 \laterizio \lighting-design \Sinalunga \Palermo \rete-stirata \SanGimignano \alluminio \Venezia \2008 \residenze \2003 \maglia metallica \ristrutturazione \SCALA \2011 \cultura contemporanea \parco \2007 \Cemento \BLU \resina \2009 \acciaio \uffici \1997 \Santa Maria della Scala \progetto approvato \completed \2002 \Chiusi \2012 \inProgress \Rosignano \appartamento \Verona \centro commerciale \2005 \InnerRoom \Siena \Montefalco \Todi \2014 \México \BIANCO \CORTEN \actionBRICK \mostra \Firenze \allestimento \corian \vetro strutturale \pinacoteca \idea

WEEKLY STUFF

 

Con l’ottavo appuntamento del ciclo dedicato allo scopo dell’arte, inner room, in collaborazione con l’associazione culturale BRICK, è lieta di presentare un lavoro di Alfredo Pirri della celebre serie “Passi” che l’artista ha già presentato in importanti mostre. Lastre di specchio adagiate sul pavimento creano un ambiente unico di profondo impatto, invitando il visitatore a percorrere l’opera fisicamente.
Questo ottavo appuntamento affronta il tema del camminare nella visione rinnovata. Per definire o ridefinire lo scopo dell’arte è necessario compiere dei passi che causano delle crepe nel reale riflesso. Il reale riflesso, così come si legge in uno specchio, è infatti l’elemento convenzionale e tradizionale: quello che c’è sempre stato e che è necessario rompere come azione di conseguenza.
Il camminare nella visione rinnovata causa la rottura del riflesso del reale, per cui la realtà nuova che si determina è il risultato che nasce dalla rottura di quella riflessa.
“Passi” diventa quindi una metafora di un camminare verso la libertà.
Inoltre, viene provocata una rottura del bagaglio di superstizione di cui la mentalità comune è spesso impregnata; lo specchio, infatti, è un elemento carico di significati, così come la sua rottura:  “Passi” dunque, combatte l’irrazionalità, la superstizione ed il pregiudizio ed intende svelare la pochezza di certi rituali che, se presi sul serio, finiscono per condizionare negativamente la vita dell’uomo, questa analisi critica si estende a considerare ogni rituale anche quelli interni all’arte come fortemente condizionanti e pregiudicanti, ragionare in termini di scopo invece diventa l’elemento di apertura e creazione. Elemento di novità nella serie “Passi” è dato ulteriormente  dall’amplificazione sonora delle rotture ricondotte a misura ambientale autonoma nello stesso spazio espositivo in cui il gesto diventa suono che diventa forma.
Passi costituisce una grafia in divenire, un grande quadro astratto, elemento quest’ultimo che lo ascrive nell’ambito del grande astrattismo italiano.