TAG Cloud

\completed \Santa Maria della Scala \parco \2004 \BLU \InnerRoom \cultura contemporanea \2011 \2002 \Montefalco \alluminio \BIANCO \México \corian \Sinalunga \2008 \inProgress \Spagna \appartamento \rete-stirata \2007 \2014 \Montepulciano \Rosignano \Cemento \CORTEN \laterizio \2005 \2009 \Chiusi \residenze \uffici \vetro strutturale \Castellina in Chianti \resina \SCALA \actionBRICK \video \2012 \centro commerciale \Verona \Firenze \maglia metallica \Venezia \pietra \2013 \2010 \1997 \concorso \aquapanel \idea \ristrutturazione \Palermo \2003 \Siena \pinacoteca \SanGimignano \acciaio \allestimento \China \lighting-design \progetto approvato \mostra \Todi

WEEKLY STUFF

 

Non si può restituire un'identità negata nel tempo immaginando semplicemente di inserire una nuova funzione e un nuovo edificio, senza partire dalla forza metafisica e surrealista che le torri satellite di Barragan esprimono come elementi in movimento, nel flusso che attraversa la città oltre che nell'aria, quasi fossero creature che nascono dalla terra per elevarsi verso il cielo.
Questo loro suggerire livelli percettivi molteplici accanto alla naturale pendenza del terreno ha permesso di sviluppare intorno all'idea di “radice dinamica”, la forma di un edificio aggrappato al suolo attraverso doline risucchiate verso il basso, portatrici di luce silenzio e immagini della vita di superficie fin sotto alla piazza.
La creazione di un sistema funzionale a livelli sovrapposti consente da un lato di non contaminare la purezza espressiva del monumento di Barragan e dall'altro di poter organizzare le attività culturali durante l'intero arco dell'anno. La piazza coperta che permette di isolarsi dal rumore della strada a scorrimento veloce che cinge le torri satellite, è un manto produttore di ombra e fresco in estate e captatore di luce e radiazioni solari riflesse in inverno. L'inserimento di pannelli fotovoltaici nelle coperture vetrate della hall e della caffetteria permette di accendere di notte un faro luminoso azzurro, puntato verso il cielo, fantasma della torre mai costruita e segnale di una nuova realtà urbana e sociale all'interno della città.
 
COLLABORATORI: Antonello De Bonis, Annunziata De Comite, Cosimo Dominelli, Cuauhtémoc Giancaterino

2009

faro de satélite

XI Concorso Internazionale Arquine, città del messico


Category: NEW ARCHITECTURE

Tags: \2009 \idea \México