TAG Cloud

\Palermo \vetro strutturale \pinacoteca \actionBRICK \2014 \appartamento \Siena \Firenze \completed \2013 \InnerRoom \2011 \acciaio \Castellina in Chianti \Todi \Sinalunga \Venezia \mostra \Montepulciano \centro commerciale \alluminio \1997 \2004 \concorso \pietra \2008 \ristrutturazione \2012 \allestimento \idea \maglia metallica \video \parco \CORTEN \rete-stirata \Santa Maria della Scala \2002 \resina \Verona \residenze \China \2010 \Chiusi \Montefalco \2005 \Cemento \SanGimignano \laterizio \inProgress \corian \2003 \BLU \uffici \Spagna \lighting-design \México \progetto approvato \Rosignano \cultura contemporanea \BIANCO \aquapanel \SCALA \2007 \2009

WEEKLY STUFF

 

Nell’evoluzione del concetto di teca come oggetto architettonico, un viaggio onirico voyeristico tra finestre assorbite ed espulse da un volume continuo bianco.
Un semplice e puro volume architettonico viene manipolato e scomposto puntualmente, sottoponendolo ad azioni di sottrazione ed addizione di altri piccoli volumi che determinano la strombatura di teche irregolari a forma di tronco di piramide secondo una combinazione di pieni e di vuoti.
L'allestimento si connota per il grande rilievo plastico con piani inclinati che creano illusori effetti di tipo prospettico di diversa profondità e aggetto che infrangono la severità e la nettezza del volume architettonico creando un immagine dinamica e vibrante.
Gli aggetti e gli svasamenti sono tutti diversi gli uni dagli altri per rendere un quadro di geometrie eterogenee, squadrate ma vivaci, accomunate dalla medesima cromia, rese uniche dal gioco delle ombre che muove il prospetto.
Un' architettura geometrica semplice che si plasma per rendersi allestimento, evitando l'inutile ricorso alla decorazione, definendosi esclusivamente per la composizione degli elementi tridimensionali.
I piccoli e preziosi gioielli in mostra, adagiati su piani di velluto scuro e accesi dalla luce dei led, riescono così ad essere inquadrati esattamente dallo sguardo del visitatore.
Nello spazio del Museo Salinas di Palermo la geometria si regolarizza e la collezione viene esposta attraverso teche in vetro extrachiaro che emergono a sbalzo o si incassano nei due lunghi volumi neri a base trapezoidale che foderano la sala.
 
COLLABORATORI: Sara Anselmi, Annunziata De Comite, Caterina Cipriani

2007

pulcherrima res

Preziosi ornamenti del passato

fotografie Paola De Pietri


Palermo



Category: EXHIBIT DESIGN

Tags: \2007 \allestimento \BIANCO \completed \mostra \Palermo \Santa Maria della Scala \Siena