TAG Cloud

\Rosignano \BIANCO \centro commerciale \SCALA \allestimento \completed \Montepulciano \Sinalunga \residenze \uffici \2007 \2014 \Firenze \alluminio \acciaio \Cemento \Siena \mostra \2002 \aquapanel \resina \2012 \video \appartamento \2004 \maglia metallica \2003 \progetto approvato \concorso \laterizio \2013 \CORTEN \Todi \rete-stirata \lighting-design \2005 \vetro strutturale \corian \pietra \Castellina in Chianti \parco \2011 \ristrutturazione \Venezia \1997 \2010 \2009 \Verona \idea \Spagna \Montefalco \Palermo \inProgress \México \BLU \Chiusi \pinacoteca \InnerRoom \SanGimignano \2008 \Santa Maria della Scala \actionBRICK \China \cultura contemporanea

WEEKLY STUFF

 

Il progetto per la nuova cantina dell'Azienda Agricola Tabarrini si inserisce nell'ambito di quella ricerca architettonica che intende promuovere la possibilità, se non talvolta la necessità, di ragionare in termini di contemporaneità anche in contesti ambientali di altissimo pregio come lo è del resto tutto il territorio che circonda il borgo medioevale di Montefalco, nel comune di Perugia.
Quest'idea dell'architettura nasce dalla cosciente consapevolezza del valore ambientale nel quale il progetto si dovrà inserire e quindi integrare, evitando in modo deciso il “falso storico” che per decenni ha compromesso una lettura coerente di parti di città e di territorio.
Questa è stata, inaspettata, anche la volontà del committente, che con estrema lucidità ha richiesto un progetto di architettura contemporanea, un progetto che non fosse inteso come mero ampliamento funzionale della cantina esistente, ma traduzione architettonica di differenti aspetti quali la contemporaneità delle nuove volumetrie e degli assemblaggi, la tradizione del luogo, la gestione rinnovata della produzione e dell'idea commerciale.
Ne scaturisce un progetto chiaro nelle forme che reinterpreta le geometrie classiche della tradizione rurale eliminando, attraverso la demolizione delle falsa torre colombaia, gli elementi estranei alla nuova composizione dei corpi di fabbrica.
I volumi fuori terra adesso si moltiplicano, si affiancano e slittano fino ad entrare in contatto con il prezioso vigneto. Il rivestimento esterno è in laterizio fino a comprende la copertura.
In questi volumi di argilla, di cui il luogo ne è ricco, sono intagliate le grandi aperture che permettono di contemplare il paesaggio della Valle Umbra.
Al piano interrato l'ampliamento ha coinvolto non solo le aree di stoccaggio e conservazione dei vini, ma anche quelle di produzione, favorendo un  miglioramento ed una razionalizzazione degli spazi ed anche delle modalità operative.
 
COLLABORATORI: Andrea Mezzedimi, Cuahutemoc Giancaterino.

2010

cantina tabarrini

Una fabbrica nel paesaggio


Category: NEW ARCHITECTURE

Tags: \2010 \CORTEN \idea \laterizio \Montefalco